musicastoriamusiche

brescia 2020

brescia

23 settembre 2019 - 18 maggio 2020

2 + 30 incontri

18:00 - 20:00

polo culturale diocesano

via bollani, 20 - brescia

santaceciliabrescia.it

23 settembre e 24 settembre

Tra automatismi e prodigi. Il teatro di Maurice Ravel:
L’heure espagnole, L'enfant et les sortilèges

In occasione della rappresentazione de L’heure espagnole al Teatro Grande di Brescia


30 settembre e 7 ottobre

Suoni di luce e di guarigione.
Ludwig van Beethoven. La Quinta e la Sesta Sinfonia

Due lavori che suonano molto diversi, ed evocano differenti mondi espressivi: tuttavia Quinta e Sesta incorporano percorsi simili. Beethoven ci fornisce le risorse emotive per sciogliere nodi che - in lui - riconosciamo come nostri.


14, 21 e 28 ottobre

Malincomico.

L’elisir d’amore e Don Pasquale, di Gaetano Donizetti

Due irresistibili capolavori comici velati di malinconia, come appartiene solo alle grandi commedie.


4, 11 e 18 novembre

Il primo Stravinskij parigino:

L’uccello di fuoco, Petruška e Il rito della primavera

In tre anni, fra il 1910 e il 1913, Stravinskij sovverte le regole del teatro, del movimento in scena, dell’orchestra, del ritmo, negli anni che hanno visto quella che può forse essere considerata la più intensa, feconda e affascinante epoca di trasformazione del linguaggio della musica occidentale.


25 novembre, 2 dicembre

... l’alme erranti volano al raggio dell’eterno dì ...

Giuseppe Verdi, Aida

In occasione della rappresentazione di Aida al Teatro Grande di Brescia


9 e 16 dicembre

In dulci jubilo

La musica ci restituisce lo struggente stupore della Natività.

Un florilegio, con particolare attenzione all’Oratorio di Natale di Bach ed al Messiah di Händel


13, 20 e 27 gennaio; 3, 10 e 17 febbraio

Ludvig van Beethoven. La grande musica strumentale

Sinfonie, Concerti, Sonate e Quartetti


24 febbraio, 2 marzo

Ludwig van Beethoven. La Missa solemnis

Il più ardito ed elevato dei lasciti beethoveniani


9 e 16 marzo

Ludwig van Beethoven. Fidelio

L’unica opera teatrale di Beethoven, un capolavoro dalla genesi tormentata

23 e 30 marzo

Eseguire Beethoven. Interpretazioni a confronto

Nessuno prima di Beethoven aveva disseminato le sue partiture di una quantità così grande di indicazioni esecutive, dalle dinamiche all’andamento, dall’articolazione all’espressione.

Eppure nessuno - più di Beethoven - pone all’interprete impervie, talvolta sofferte, scelte interpretative.

Un confronto tra interpretazioni di diversi pianisti e diversi direttori d’orchestra.


6, 27 e 27 aprile; 4, 11, 18 maggio

Richard Wagner. L’Anello del Nibelungo (Der Ring des Nibelungen)

Parte seconda. Siegfried. Il crepuscolo degli dèi (Götterdämmerung)

Anche chi non avesse preso parte al primo ciclo di incontri potrà seguire questa seconda parte: nel corso degli incontri il relatore avrà cura - a beneficio di tutti - di annodare i fili necessari alla piena comprensione.

In ogni caso, per tutti, è disponibile on-line una utile documentazione a cura del relatore, accessibile fin d’ora: https://www.francescoiuliano.it/anello2.html